In attesa ma mai ferma

servizio civile estero

Scritto da Marta Barja Afonso, volontaria in Servizio Civile in Zambia, a Mansa

A due mesi dall’inizio del Servizio Civile come Casco Bianco, sono ancora piena di aspettative, dubbi e paure che, piano piano stanno trovando una risposta, visto che sono ancora tra il mio paese di origine, la Spagna, e l’Italia in attesa del visto per poter partire per lo Zambia, il Paese in cui svolgerò il mio Servizio Civile Universale. La data della mia partenza è prevista per il mese di settembre.

Nonostante le incertezze, i problemi e gli imprevisti degli ultimi mesi, dovuti principalmente alla situazione globale generata dal Covid 19 e al ritardo nel rilascio del visto, che hanno posticipato la mia partenza all’estero, sono ancora convinta di aver preso la decisione giusta. Ancora non sono arrivata in Africa, ma già la sento CASA MIA grazie ai racconti dei miei colleghi che si trovano già in Zambia e alle altre persone che hanno già vissuto un’esperienza simile e stanno condividendo con me le loro esperienze, sentimenti ed emozioni vissuti in Africa.

Le motivazioni e le aspettative che mi hanno spinta ad intraprendere questa esperienza sono fondamentalmente legate alle necessità di uscire dalla mia comfort zone, di vedere un’altra parte del mondo e, soprattutto, di mettermi in gioco e sperimentare la condivisione diretta, uno dei valori più importanti che promuove la Comunità Papa Giovanni XXIII.

Siamo in servizio da due mesi: alcuni volontari hanno già iniziato il volontariato in territorio africano, altri invece, come la sottoscritta, lo hanno iniziato in una struttura della Comunità Papa Giovanni XXIII in Italia in attesa sia del vaccino covid che del visto.

Il primo mese del progetto è stato dedicato ad una formazione online con tutti i Caschi Bianchi in cui sono stati affrontati concetti come: l’obiezione di coscienza, la Carta di impegno etico, i Diritti Umani, la nonviolenza nella trasformazione dei conflitti, il rapporto UPR, la protezione civile, ecc. Nozioni che ci hanno aiutato a capire il significato del Servizio Civile e comprendere il nostro ruolo di Caschi Bianchi nei progetti scelti. Tali concetti ci hanno dato una visione globale di tutti gli elementi e i fattori importanti che entrano in gioco nella trasformazione sociale e nella risoluzione dei conflitti attraverso tecniche basate sulla nonviolenza.

Appena finita la formazione, ho iniziato il mio servizio in una struttura della Comunità Papa Giovanni XXIII a Bergamo, un Centro Diurno per disabili che si trova in un piccolissimo paese chiamato Camisano, situato a pochi chilometri da Bergamo e Palazzolo, la città in cui ho vissuto durante il mio soggiorno in Italia. Questo Centro, è gestito da circa 20 persone con disabilità che, oltre a frequentare il centro, svolgono diversi mestieri affinché il centro stesso possa sopravvivere. Inoltre, ogni giorno è differente poiché si realizzano attività e laboratori di vari genere: musicoterapia, ergoterapia, psicomotricità, ecc. Con queste attività, le persone con disabilità migliorano le loro capacità e competenze, motivo per il quale il centro è una parte essenziale della loro vita.

In questa avventura, una di quelle persone di cui conserverò un ricordo speciale quando mi guarderò indietro tra qualche anno, è Laura, la responsabile del Centro Diurno, con la quale ho sentito un grande legame fin da quando ci siamo incontrate per la prima volta in aeroporto. Entrambe condividiamo gli stessi interessi, gusti e hobby, nonché alcuni tratti della nostra personalità. Mi ha permesso di approfondire la cultura africana attraverso i suoi racconti e fotografie visto che lei ha attraversato la Tanzania da nord a sud. Inoltre, mi ha accolto come una della famiglia all’interno del centro. Laura rappresenta i valori che cercavo quando ho scelto la Comunità Papà Giovanni XXIII per svolgere il Servizio Civile: solidarietà, condivisione diretta e inclusione. Non solo perché ha un bambino in affido, ma anche perché il centro è proprio una grande famiglia e nella sua casa tutti siamo benvenuti.

LEGGI L’ARTICOLO COMPLETO SU ANTENNE DI PACE!