BANDO ATTIVO

In data 15/12/22 il Dipartimento per le Politiche Giovanili e il Servizio Civile Universale ha pubblicato il BANDO 2022, per il quale è possibile candidarsi fino alle ore 14.00 di venerdì 10 febbraio

Alcuni progetti hanno una riserva di posti dedicati a giovani con minori opportunità (bassa scolarizzazione e difficoltà economiche o con disabilità), altri progetti prevedono un periodo di due mesi di servizio all’estero in un paese dell’Unione Europea.

Per ciascun volontario è previsto un assegno mensile di € 444,30 (a cui si somma un’indennità giornaliera se si partecipa ad un progetto che prevede la misura aggiuntiva di un periodo da svolgersi in uno dei Paesi U.E.).

Con Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII sono disponibili 296 posti in Italia.

Con la Comunità Papa Giovanni XXIII sono tante le attività in cui ragazzi e ragazze possono coinvolgersi e sperimentarsi in Italia. E’ possibile infatti svolgere servizio presso una delle numerose case famiglia dell’associazione a supporto di minori e persone con disabilità, presso le cooperative sociali, le comunità terapeutiche che accolgono persone vittime di dipendenze, le strutture per persone senza fissa dimora, per donne vittime di tratta e per carcerati che stanno scontando la pena in misura alternativa al carcere. Ma anche presso gli uffici dell’associazione che si occupano di progettazione, comunicazione e fundraising ed all’interno di percorsi di educazione alla pace presso scuole e gruppi informali, supportando azioni di comunicazione dal basso, progettazione, diritti umani e giustizia internazionale. 

Con la Comunità Papa Giovanni XXIII sono tante le attività in cui ragazzi e ragazze possono coinvolgersi e sperimentarsi in Italia. E’ possibile infatti svolgere servizio presso una delle numerose case famiglia dell’associazione a supporto di minori e persone con disabilità, presso le cooperative sociali, le comunità terapeutiche che accolgono persone vittime di dipendenze, le strutture per persone senza fissa dimora, per donne vittime di tratta e per carcerati che stanno scontando la pena in misura alternativa al carcere. Ma anche presso gli uffici dell’associazione che si occupano di progettazione, comunicazione e fundraising ed all’interno di percorsi di educazione alla pace presso scuole e gruppi informali, supportando azioni di comunicazione dal basso, progettazione, diritti umani e giustizia internazionale. Infine, è possibile svolgere servizio all’interno del programma di Servizio Civile Ambientale per acquisire maggiore consapevolezza dei temi ambientali, potenziare l’impegno alla tutela dell’ambiente ed essere coinvolti in attività di educazione ambientale ed educazione allo sviluppo sostenibile.

COME PARTECIPARE

Ogni anno il Dipartimento per le Politiche Giovanili e il Servizio Civile Universale, emana il “bando volontari”, della durata di un mese. In questo tempo gli aspiranti operatori volontari potranno presentare la domanda di partecipazione esclusivamente attraverso la piattaforma Domande on Line (DOL) raggiungibile tramite PC, tablet e smartphone.

  • I cittadini italiani residenti in Italia o all’estero possono accedervi esclusivamente con SPID, il Sistema Pubblico di Identità Digitale. Sul sito dell’Agenzia per l’Italia Digitale sono disponibili tutte le informazioni su cosa è SPID, quali servizi offre e come si richiede. Per la Domanda On-Line di Servizio civile occorrono credenziali SPID di livello di sicurezza 2. 
  • I cittadini di Paesi appartenenti all’Unione europea e gli stranieri regolarmente soggiornanti in Italia, se non avessero la disponibilità di acquisire lo SPID, potranno accedere ai servizi della piattaforma DOL attraverso apposite credenziali da richiedere al Dipartimento, secondo una procedura disponibile sulla home page della piattaforma stessa.

Le domande di partecipazione devono essere presentate esclusivamente nella modalità on line sopra descritta.  È possibile presentare una sola domanda di partecipazione per un unico progetto ed un’unica sede, da scegliere tra i progetti elencati nel bando e riportati nella piattaforma DOL.

Per maggiori informazioni consulta la Guida per la compilazione e la presentazione della Domanda On Line con la piattaforma DOL

MODALITA’ DI CANDIDATURA

I giovani interessati, durante l’apertura del bando, potranno presentare la domanda di partecipazione esclusivamente attraverso la piattaforma Domande on Line (DOL) raggiungibile tramite PC, tablet e smartphone.

  • I cittadini italiani residenti in Italia o all’estero possono accedervi esclusivamente con SPID, il Sistema Pubblico di Identità Digitale. Sul sito dell’Agenzia per l’Italia Digitale sono disponibili tutte le informazioni su cosa è SPID, quali servizi offre e come si richiede. Per la Domanda On-Line di Servizio civile occorrono credenziali SPID di livello di sicurezza 2.
  • I cittadini di Paesi appartenenti all’Unione europea e gli stranieri regolarmente soggiornanti in Italia, se non avessero la disponibilità di acquisire lo SPID, potranno accedere ai servizi della piattaforma DOL attraverso apposite credenziali da richiedere al Dipartimento, secondo una procedura disponibile sulla home page della piattaforma stessa.

Le domande di partecipazione devono essere presentate esclusivamente nella modalità on line sopra descritta.  È possibile presentare una sola domanda di partecipazione per un unico progetto ed un’unica sede, da scegliere tra i progetti elencati nel bando e riportati nella piattaforma DOL.

Per maggiori informazioni consulta la Guida per la compilazione e la presentazione della Domanda On Line con la piattaforma DOL.

REQUISITI NECESSARI

Possono partecipare al bando i giovani in possesso dei seguenti requisiti:

  • cittadinanza italiana, oppure di uno degli altri Stati membri dell’Unione Europea, oppure di un Paese extra Unione Europea purché il candidato sia regolarmente soggiornante in Italia;
  • aver compiuto il diciottesimo anno di età e non aver superato il ventottesimo anno di età (28 anni e 364 giorni) alla data di presentazione della domanda;
  • non aver riportato condanna, anche non definitiva, alla pena della reclusione superiore ad un anno per delitto non colposo oppure ad una pena, anche di entità inferiore, per un delitto contro la persona o concernente detenzione, uso, porto, trasporto, importazione o esportazione illecita di armi o materie esplodenti, oppure per delitti riguardanti l’appartenenza o il favoreggiamento a gruppi eversivi, terroristici o di criminalità organizzata.

Inoltre, in aggiunta ai tre requisiti sopra elencati, possono essere richiesti specifici requisiti in relazione alla specificità delle azioni previste a progetto o alle singole situazioni degli operatori volontari. Pertanto ai giovani è richiesto di leggere attentamente l’Art. 2 (Requisiti di partecipazione) e l’Articolo 3 (Ulteriori indicazioni per la partecipazione) del Bando e il singolo progetto per verificare l’eventuale richiesta di requisiti aggiuntivi.

Tutti i requisiti di partecipazione devono essere posseduti alla data di presentazione della domanda e, ad eccezione del limite di età, mantenuti sino al termine del servizio.

Non possono presentare domanda i giovani che:
  • appartengono ai corpi militari e alle forze di polizia;
  • abbiano interrotto un progetto di servizio civile universale, digitale o finanziato dal PON-IOG “Garanzia Giovani” prima della scadenza prevista ed intendano nuovamente candidarsi ad uno dei progetti contemplati nel presente bando;
  • intrattengano, all’atto della pubblicazione del presente bando, con l’ente titolare del progetto rapporti di lavoro/di collaborazione retribuita a qualunque titolo, oppure abbiano avuto tali rapporti di durata superiore a tre mesi nei 12 mesi precedenti la data di pubblicazione del bando; in tali fattispecie sono ricompresi anche gli stage retribuiti.

LE TESTIMONIANZE DEI VOLONTARI

video_volontaria_serviziocivile_apg23

Chi sei? Quella del servizio civile!

"Sei un elemento ormai fondamentale della nostra famiglia". Questa è una delle risposte ricevute da Maria Chiara che, in questo video, chiede ai ragazzi della casa famiglia come vedono lei e il servizio civile
festa_virgen_aparecida

Servizio Civile: 2 mesi in Spagna – GALLERIA FOTOGRAFICA

Dalla provincia di Rimini a Guadalajara, in Spagna: il volo di Antonio, volontario in servizio civile con la Comunità Papa Giovanni XXIII in un progetto che prevede due mesi all'estero, in un paese dell'unione europea. Il racconto della sua esperienza attraverso una galleria fotografica.

Ritratto familiare

Veronica ci presenta i componenti della casa famiglia "Maria Ausiliatrice" di Cuneo dove sta svolgendo il servizio civile. La prossimità alle persone della casa e le piccole cose di ogni giorno le aprono sentieri nuovi per il futuro
scuola_don_oreste_benzi_forlì

Il servizio civile torna a scuola

Non è mai troppo tardi per imparare, non è mai troppo tardi per provare cose nuove. Così il servizio civile entra a scuola, nell'istituto "Don Oreste Benzi", dove Stefania e Martina prestano il loro servizio all'innovativa pedagogia del gratuito, tra formazione e affetto
campo_di_condivisione_veneto

La buona aria di casa

Fatoumata è volontaria in servizio civile nel progetto "2021 C'è aria di casa", in Veneto, e come spesso accade, il nome del progetto rappresenta pienamente lo spirito del servizio svolto, meglio di tante parole. Fatu ci coinvolge nel respirarla quest'aria di casa, attraverso un video-racconto di un momento speciale
volontariato_condivisione_piemonte

La via del cambiamento: un percorso interiore

Un anno di servizio civile può cambiarti la vita, non grandi stravolgimenti ma piccoli mutamenti, semplici intuizioni, nuovi approcci al mondo che possono fare la differenza. L'esperienza del servizio civile raccontata da Alice, volontaria in Piemonte
come_una_famiglia

Siamo una grande famiglia

Graziana ci fa entrare nella casa dove vivono donne salvate dalla tratta, donne che, grazie anche all'impegno dei volontari in servizio civile, trovano un'accoglienza che fa famiglia e le aiuta nella rinascita generata dall'amore vero
casafamiglia_bambini_emiliaromagna

Imparare dai bambini. Le relazioni che aiutano a crescere

"Ed è proprio vero, ai bambini basta così poco, basta un poco di attenzione in più, qualche minuto di gioco insieme, una coccola, o una semplice parola di incoraggiamento, per essere più felici. Credo che tutti dovremmo re-imparare dai bambini". Martina nel suo servizio civile in Casafamiglia a Cento.
servizio_civile_cultura_calabria

“Come i pesci del mare cominciarono a pensare”

Un anno di servizio civile può essere anche un anno di tutela, promozione e sensibilizzazione del patrimonio storico e culturale nazionale. Le volontarie del progetto "2021 INSIEME SI È FORTI" in Calabria ce lo raccontano con un video